• Travel

    Cuba: un viaggio alla scoperta di L’Avana, Vinales e Cayos Santa Maria.

    Dopo aver esplorato l’intero mappamondo l’indice finisce lì…è CUBA, è LEI la nostra destinazione. Ce la immaginiamo come un’isola accogliente, dove ci faremo cullare dal ritmo della musica, dal calore del sole, dalle onde dell’oceano, e perché no, anche da un buon cocktail al ritmo di musica. Visto che le feste erano ormai finite e noi avevamo lavorato (anche troppo!) in una Milano dalle temperature rigide, non ci rimaneva che fare le valigie…e partire verso i Caraibi!

    Compagne di Viaggio

    E’ nato così questo viaggio, due amiche con tanta voglia di staccare la spina, prendersi del tempo e fuggire lontano. È la nostra prima vacanza, ci conosciamo da poco, ma si capisce da subito che siamo del tutto complementari.

    Ad esempio, lei se sta per partire per una località internazionale, ha l’ansia di arrivare 2 ore prima in aeroporto ( anche se abbiamo già fatto il check- in online e non abbiamo bagagli da imbarcare) io arrivo all’ultimo minuto, come al solito.

    A proposito, niente bagagli da imbarcare! Cosa strana per me, che mi porto sempre dietro mezzo armadio, di cui poi tuttavia non mi serve che la metà, (sarà che l’altra metà non si può mettere in una valigia?) A mio discapito però (chi mi conosce sa che la mia organizzazione è impeccabile), è lei che si perde al primo negozio di orologi che non comprerà mai…🤣 insomma l’avrete già capito, insieme siamo una grande squadra!

    L’Arrivo
    Dopo un volo del tutto tranquillo, saliamo sul taxi che ci porta in centro città, beh credeteci, da quel momento non abbiamo mai smesso di cantare e di ballare. Il nostro taxista ci ha perfino regalato la sua playlist, ha capito che ne avremmo fatto buon uso!

    Arriviamo così alla nostra prima Casa Particular, situata nell’Havana Vieja e subito ci scontriamo con il cuore della città. Dico scontriamo, perché non vi nego che la prima impressione è stata tosta. E’ ormai sera e la città è completamente al buio, il taxi ci lascia di fronte all’abitazione dove però i proprietari non sono a casa e subito capiamo la differenza tra i “minuti i italiani” e i “minuti cubani”….”Tra un’ora siamo lì”, ci dicono; beh che fretta c’è in fondo? Approfittiamo dell’attesa per un buon mojito!

    Havana Vieja
    Casa Particulares – Havana Vieja


    L’Avana
    Dopo una bella dormita per riprenderci dal volo, iniziamo a familiarizzare con la città a bordo di una tipica auto storica, che non potevamo farci mancare! Confesso, speravamo in una decappottabile, ma ci siamo accontentate volentieri facendoci scarrozzare per la città.
    Proseguiamo poi con un giro a piedi per da Obispo a Plaza Vieja.


    Havana Tour

    Dopo aver passeggiato un per il centro, prendiamo un bus pubblico per Playa del Est – Santa Maria, cheviene praticamente fermato da un gruppo di ragazzini urlanti, che vedendoci alle prese con la ricerca della linea giusta, si lanciano in mezzo alla strada a fermarci il pullman!!
    Il viaggio è stato pittoresco: autobus stracolmo di gente, da far invidia alla metro di Milano alle 18.00 durante una giornata di sciopero; tuttavia non è come a Milano che se possono ti chiudono le porte in faccia, lì una signora sulla 70ina comodamente seduta al suo posto, prima mi fa segno con la mano di avvicinarmi, capendo che non parlo spagnolo, e poi mi dice: “vieni qui, tu ci stai ” tra lei, il timbratore, il finestrino e l’autista, mi infilo in un posto che non c è e mi gusto comunque quel viaggio dal totale spirito cubano “mi casa es tu casa”. Per finire lei si alza anche se non aveva finito il suo tragitto e fa sedere un giovane papà che portava in braccio una bimba. Cose che non capitano tutti i giorni, seppure molto semplici. Rifletto.

    On the Road


    Pinar del Rio e Vinales
    L’indomani sveglia alle 6.00, si parte per la valle di Viňales con bus turistico. Qui conosciamo Monica e Stefano ed è subito festa, due ragazzi sardi con i quali condividiamo l’intera giornata, scoprendo che le nostre tappe di viaggio si uniranno anche per i prossimi giorni.
    A Viňales sembra di tornare indietro nel tempo, immense distese di foresta ci avvolgono, fino ad arrivare alla cittadina fatta di piccole case di legno colorate. Quello che mi colpisce di più è che in ognuna di queste casette nell’aia ci sono due sedie a dondolo, come a ricordare l’importanza di stare lì, fermi, a guardare e a guardarsi…lo trovo romantico.

    Per la strada incrociamo carretti trainati da cavalli, camioncini in stile militare che non trasportano merci, bensì pieni di gente ( è il loro trasporto pubblico nelle campagne), mentre i ragazzini vanno a scuola e li puoi riconoscere dalle divise: grembiulini gialli e calzettoni bianchi.

    Dopo questa vista bucolica, arriviamo alla più grande distesa di tabacco del posto e conosciamo Lazzaro, che parlando in ben 4 lingue per accontentare tutti i turisti, ci racconta come viene coltivato il tabacco e come vengono prodotti i sigari cubani. Devo dirvi che non si poteva resistere dall’accenderne uno insieme a un goccio di miele e rhum!! In questo spazio incontaminato e lontano dalla città abbiamo respirato il profumo della terra e del passare calmo del tempo. A guidarci in questa bellissima giornata è stato Alfonso, guida turistica di MeetingPoint, il nostro “big papà” per un giorno, si è preso cura di tutti noi con estrema gentilezza. Giornata indimenticabile, se amate stare in mezzo alla natura non perdete questa tappa!!

    Piantagioni di Tabacco
    Vinales Valley


    Cayos Santa Maria
    Sveglia alle 5.00. Questa volta ci spostiamo verso sud e verso la playa!! Prendendo il bus turistico Transgaviota arriviamo a Cayos Santa Maria .

    Al Cayos

    Lo sapevate? Cuba è un isola formata da 1.000 piccole insenature chiamate “Cayos” da cui si accede a un mare cristallino dal colore azzurro pastello.

    Irresistibile la voglia di tuffarsi in questa piscina naturale, seppure il ritmo latino subito ci rapisce e non ci abbandona per tutta la permanenza al resort. Per il nostro soggiorno abbiamo scelto Ocean Del Mar, uno splendido resort su una spiaggia infinita. Beh, diciamo pure che siamo diventate ben presto parte integrante dello staff di animazione del villaggio!!! Siamo state protagoniste di competizioni da spiaggia, balli di gruppo e serate dal profumo caraibico.

    Ocean Del Mar

    Un grazie speciale va ad Emilio e Daniel due insegnanti spettacolari: Dani mi ha insegnato il ritmo della salsa, del merengue e della baciata, ma mi ha anche regalato una lezione di yoga fronte oceano lontano dal caos del villaggio. Un’esperienza silenziosa e intensa, un’energia speciale e unica, grazie di cuore per questo regalo grande!

    Bailando


    Il ritorno
    E poi mia bella Cuba, come tutte le storie d’amore più vere, è arrivato il momento di lasciarsi e ripartire.

    Difficile non lasciare lì un pezzetto di cuore, e sarebbe stato difficile anche tornare a camminare senza cantare e ballare ad ogni passo…. ma in quel momento in cui la vacanza sta per finire, capisci quanto ti stai portando dentro ed è questo ciò che conta.

    Con gli occhi ancora puntati all’orizzonte, con il rumore delle onde nelle orecchie, con il profumo del mare ancora addosso si torna a casa, ma un po si resta lì, in quel momento, ora e adesso, per tutto il tempo.

    E’ ormai passato un mese dal nostro ritorno, ma io continuo a muovermi al ritmo latino e mentre scrivo questo articolo nelle orecchie suona “Mi medicina” degli Cnco ….è già, è stata una vera medicina…per l’anima e il cuore.

    Gracias mi CUBA, tu me encanta, te extrano mucho!

  • Travel

    Benvenuto 2019!🥂🍾

    Benvenuto 2019! Proprio da qui  dal Tremoggia Hotel Experience , un bellissimo angolo di montagna di Chiesa in Valmalenco, dove uno  stupendo gruppo…

    Read more
  • Food

    Il Gusto del Benessere

    Il Gusto del Benessere è un progetto che nasce all’inizio del 2018 al Centro Studi Olistici Il Respiro – Yoga,Mindfulness,Thai&More. Con la…

    Read more